fbpx
Home Campania Campagna Pontida del Sud. O no?

Campagna Pontida del Sud. O no?

by Piera De Prosperis

Campagna è balzata agli onori della cronaca politica di questi ultimi mesi perché vi è stato indetto il Primo Raduno della Lega Campania. In agenda dibattiti, convegni, una fiera agroalimentare e anche attività sportive. Una kermesse organizzata da Mariano Falcone, segretario provinciale della Lega di Salerno, con i referenti del partito al Sud, il parlamentare e segretario campano Cantalamessa e la sottosegretaria Pina Castiello, alla luce dell’ottimo risultato ottenuto alle ultime elezioni politiche e per prepararsi alle prossime europee.

Previsto l’arrivo di tutto il Gotha leghista, compreso Salvini, a causa dei cui impegni, tuttavia, il raduno, inizialmente fissato per il 29 e il 30 settembre, è stato rinviato tra il 15 ottobre e il 7 novembre. Salvini, infatti, non vuole mancare ad un appuntamento che mira alla nascita di una Pontida del Sud.

Ma non a tutti la scelta logistica è piaciuta.

Il comitato Campagna Città aperta, da cui è nata un’associazione di cui è presidente l’avvocato Ennio Riviello, terrà una contromanifestazione “per fare fronte comune contro l’odio e la discriminazione”. Dal presidente Riviello abbiamo avuto questa testimonianza “La città, medaglia d’oro al merito civile per aver salvato centinaia di ebrei durante le persecuzioni, ha dato ospitalità a diversi rifugiati e migranti albanesi. Campagna è sempre stata città dell’accoglienza. Su queste storie abbiamo creato un Museo della Memoria e della Pace. L’arrivo della Lega e del suo primo raduno campano proprio a Campagna non poteva passare sottotraccia … Da qui è nato un appello pubblicato sul sito dell’associazione che ha ricevuto adesioni da personalità della cultura, del giornalismo, della politica e semplici cittadini … Da quel momento siamo stati travolti da stampa, articoli, interviste ma anche da minacce e offese. L’idea iniziale di una manifestazione apartitica è stata mantenuta a tutti i costi, tenere lontano la politica e politici pronti a mettere le bandierine è stato un duro lavoro- Ora il raduno della Lega non si farà, noi manifesteremo lo stesso e ci daremo appuntamento nuovamente quando la Lega deciderà di radunarsi.”

Il programma completo della manifestazione che si terrà a Campagna, comunque, il 29 e il 30 settembre, è sulla pagina fb dell’associazione. Per l’occasione è previsto un concerto gratuito in piazza Palatucci: sul palco Luca Persico ‘O Zulu’ e altri artisti dei 99 Posse, i Terroni uniti, ‘Nto, Mujeres Creando, Valerio Jovine.

Sul web si è scatenata la polemica e non sono mancate voci di riprovazione se non di aperta contestazione.

Un rigurgito di comunistelli che non hanno vissuto gli anni di piombo … oggi a fronte di un moto popolare democratico, che si è estrinsecato con il voto del 4 marzo … pensano di fermare il vento del cambiamento aizzando una minoranzissima del popolo con contromanifestazioni verso un leader politico di caratura nazionale. Anche a Campagna si sono preparati a portare i Centri Sociali, i Black Block e chissà quanti altri si insinueranno …”

Se la democrazia è confronto libero di opinioni nel rispetto di tutti, il rischio è che, imbavagliando le opposizioni si cada nella  oclocrazia, letteralmente “governo della massa”, forma degenerata di democrazia, dove domina non più la volontà del popolo ma gli istinti di una massa variamente istigata da demagoghi o reazioni emotive.

E questo rischio nessuno lo vuole correre.

di Piera De Prosperis

0 comment