fbpx
Home Napoli In ricordo di Maria Raffaela Pessolano

In ricordo di Maria Raffaela Pessolano

by Flavio Cioffi

 

Se n’è andata l’altro giorno, in modo discreto come aveva vissuto, Maria Raffaela Pessolano. Durante la sua lunga attività di docente di storia dell’architettura all’Università Federico II e poi anche al Suor Orsola Benincasa, aveva scritto molti lavori. Di alcuni trascrissi io stesso a macchina la prima stesura, ero un ragazzo e non si usavano ancora i PC. Riandando con la memoria a quegli anni, sfogliando le tantissime pagine pubblicate, mi sono imbattuto in un opuscolo dal titolo “Il porto di Napoli nei secoli XVI-XVIII”, edito a Firenze nel 1993 da Leo S. Olschki. Mi ha colpito un passaggio che potrebbe sembrare attuale cambiando nomi e date. Ve lo propongo.

Il tre giugno del 1598 il viceré dispone, riportando il volere di Filippo II, la costruzione del nuovo molo chiarendo le attribuzioni delle responsabilità di coloro che ne sarebbero stati occupati ed affidando la supervisione della realizzazione al “cavalier Fontana”, redattore del progetto, che avrebbe potuto contare su due architetti addetti alla fabbrica. Le critiche sono molte e violente. La vicenda è nota ed è stata approfonditamente studiata; le accuse all’ “architetto del papa” erano le più varie, dall’essere stato preferito il suo elaborato senza alcun confronto con altre ipotesi progettuali e senza che fossero chiesti pareri ad altri professionisti esperti, come era avvenuto in occasione della realizzazione dell’arsenale, senza un preventivo di spesa, senza una data, anche approssimativa, di completamento dei lavori.

Senza gara, insomma. Non sembra una storia attuale?

Ciao Mariela!

0 comment

Cosa ne pensi