fbpx
Home Ucraina Da Mykolaiv la Dichiarazione della comunità scientifica ucraina

Da Mykolaiv la Dichiarazione della comunità scientifica ucraina

by Alessandro Bianchi

 

Fin dall’inizio della criminale aggressione di guerra all’Ucraina da parte della Russia avevo perso i contatti con Yuriy Kondratenko, un professore della “Petro Mohyla Black Sea National University” con sede a Mykolaiv, con il quale da molto tempo condividevo gli annuali convegni dell’Accademia di Scienze Economiche e Finanziarie di Spagna.

Sapevo che Yuriy viveva a Mykolaiv, una città di quasi 500.000 abitanti situata in posizione strategica a 65 Km dal Mar Nero e a 130 Km da Odessa, motivo per cui è stata una delle città attaccate con maggiore intensità dagli invasori russi. E sapevo dell’esodo da Mykolaiv di decine di migliaia di persone – donne, bambini e ragazzi con meno di 17 anni – per sottrarsi ai massacri e alle distruzioni causate dai bombardamenti rivolti anche contro obiettivi civili.

Finalmente ieri ho ricevuto un suo messaggio nel quale mi descrive la drammatica situazione che sta vivendo la sua città per difendere se stessa e per frenare la marcia degli invasori verso Odessa.

Insieme alle notizie, Yuriy mi ha fatto avere anche un documento di estremo interesse: una “Dichiarazione del Comitato scientifico del consiglio nazionale dell’Ucraina per lo sviluppo della scienza e della tecnologia”, che commenta in tre punti le vicende della guerra in corso. Ne ho subito parlato con il Direttore Cioffi e abbiamo convenuto che bisognava dare a quel documento la più ampia diffusione, a partire dalla pubblicazione sul nostro giornale.

La dichiarazione è una lucida e stringente disamina degli avvenimenti in corso e delle implicazioni che avranno ovunque nel mondo – e in modo particolare in Europa – di cui riassumo alcuni punti sui quali credo dovremmo attentamente riflettere.

  • Diversamente da quanto si sente dire in molti commenti, questa guerra contro l’Ucraina è della Russia e non di Putin. Sostenere il contrario è come dire che la seconda Guerra Mondiale è stata una guerra solo di Hitler. Un evidente falso storico.
  • L’obiettivo dell’invasione non è solo l’occupazione di tutto il territorio ucraino o di alcune parti come il Donbass e la Crimea, ma l’annullamento dell’Ucraina come stato sovrano portandola nell’ambito di una resuscitata ed egemone Russia imperiale.
  • Dunque la posta è molto più alta, perché riguarda alcuni dei valori fondanti della nostra civiltà – la sovranità, la democrazia, i diritti, la libertà – il che vuol dire che siamo di fronte ad un “momento spartiacque per il mondo intero, che stabilisce il suo destino per i prossimi decenni”.
  • La difesa di questo spartiacque è irrinunciabile e dobbiamo essere consapevoli che comporterà sacrifici pesanti per i Paesi europei sul terreno del contrasto tramite sanzioni economiche, perché queste “devono essere sufficientemente severe da paralizzare la capacità militare della Russia”.
  • Poi il contrasto deve andare oltre quello economico, perché ormai “il potere militare è in gran parte basato sui risultati della scienza e della tecnologia. Di conseguenza, è essenziale isolare la Russia da tali risultati”.
  • Infine, pensando alla necessità che ci sarà dopo la fine della guerra di ricostruire la comunità scientifica ucraina, lacerata dalle perdite umane e bloccata nelle sue attività, si dovrà “sviluppare una più profonda integrazione tra gli istituti di ricerca, le università e le organizzazioni di finanziamento scientifico dell’Occidente e dell’Ucraina”.

Credo che la comunità scientifica europea dovrebbe valutare attentamente quanto dice, nella situazione di estrema difficoltà in cui si trova, l’omologa comunità scientifica ucraina e dare risposte adeguate alle richieste che avanza.

 

DICHIARAZIONE DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL’UCRAINA PER LO SVILUPPO DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA

 

  1. SULL’AGGRESSIONE RUSSA CONTRO L’UCRAINA

La Russia, avendo iniziato la guerra contro l’Ucraina con false pretese, ricorre costantemente a crudeli tecniche militari mirando deliberatamente a oggetti civili e provocando enormi vittime e sofferenze tra i non combattenti, crea minacce alla sicurezza nucleare ed ecologica. Con tali atti senza precedenti di terrorismo di stato, la Russia cerca di distruggere l’Ucraina come stato indipendente, come nazione.

I leader russi hanno apertamente espresso il loro rifiuto di riconoscere la sovranità dell’Ucraina così come l’esistenza stessa della lingua e della cultura ucraine, perseguendo di conseguenza il percorso di eliminazione di tutto ciò che è ucraino, stabilito secoli fa dall’impero russo.

Per quanto questa guerra ferisca l’Ucraina, tanto più importante diventa rendersi conto che non si tratta solo dell’Ucraina. Questo è un momento spartiacque per il mondo intero, che stabilisce il suo destino per i prossimi decenni. Questa non è né un’esagerazione né un espediente retorico: la vediamo come una conclusione diretta degli eventi recenti e delle lezioni insegnate dalla storia.

La guerra in Ucraina è solo un altro passo logico nell’ascesa del fascismo russo. È stato in gran parte trascurato come fenomeno, i suoi pericoli sono stati sottovalutati o deliberatamente minimizzati dall’élite politica e imprenditoriale mondiale, che ha preferito distogliere lo sguardo e continuare una proficua relazione con il male nascente. Una posizione così comoda non fu scossa né dall’invasione russa della Georgia nel 2008, né dall’annessione della Crimea nel 2014.

Ma ora è giunto il momento di affrontare la verità e chiamare le cose con il loro vero nome. Quando un propagandista al servizio del regime russo parla della “soluzione finale della questione ucraina”, senza esitare a usare la famigerata formulazione nazista, questo non è un semplice lapsus, è una logica conseguenza dell’adozione dell’ideologia fascista. Quando una nazione cambia il proprio atteggiamento nei confronti della Seconda Guerra Mondiale da “Mai più” a “Possiamo farlo di nuovo”, questo è un altro passo nella stessa direzione.

Il fascismo russo, incentrato sull’idea di un grande impero e di uno “speciale ruolo storico e morale” della nazione russa, non può e non vuole fermarsi da solo, può solo essere fermato con la forza. E deve essere fermato ora. Qualsiasi tentativo di guadagnare tempo ritardando l’azione necessaria aumenterà solo il prezzo finale per sconfiggere questo mostro. Il destino del mondo civilizzato è ora deciso sui campi di battaglia dell’Ucraina e coloro che si considerano parte di questo mondo dovrebbero realizzarlo appieno e agire seriamente.

  1. SUGLI SFORZI DI ISOLAMENTO DELLA RUSSIA NELLA SCIENZA E NELLA TECNOLOGIA

Dubitiamo che il regime fascista in Russia, deciso all’uso della forza militare, possa essere fermato solo dalle sanzioni. Ma comunque, per essere efficaci, le sanzioni devono essere sufficientemente severe da paralizzare la capacità militare della Russia. Nel mondo moderno, con l’informazione e il know-how tecnologico che sono le merci più preziose, il potere militare è in gran parte basato sui risultati della scienza e della tecnologia. Di conseguenza, è essenziale isolare la Russia da tali risultati.

Va notato che due decenni di lavaggio del cervello sempre più aggressivo hanno avuto un effetto devastante sull’intera società russa, che si riflette chiaramente nei sondaggi che mostrano un alto sostegno popolare alla guerra, così come in numerose dichiarazioni servili di personaggi di spicco russi, inclusi molti scienziati e intellettuali.

Dall’inizio della guerra, molti paesi hanno intrapreso misure per tagliare le organizzazioni scientifiche russe e le persone ad esse affiliate dall’accesso a collaborazioni scientifiche, progetti di ricerca congiunti, finanziamenti per la ricerca straniera. Sosteniamo questi sforzi, ma devono essere portati su una scala molto più ampia. Non dovrebbero esserci solo le opportunità di finanziamento della ricerca

ritirato, ma l’accesso a qualsiasi pubblicazione scientifica, qualsiasi informazione scientifica deve essere cessata per la comunità accademica russa.

Siamo sorpresi che alcuni rinomati editori accademici, tra cui il gruppo Nature ed Elsevier, si oppongano all’idea di tagliare tale accesso, facendo appello a ragioni umanitarie e libertà accademiche. Ci auguriamo che tali opinioni siano causate da una mera miopia e non da motivazioni più banali, come il desiderio di continuare a fare soldi vendendo abbonamenti su un redditizio mercato russo.

È imbarazzante quando alcuni eminenti scienziati occidentali stanno spingendo

il messaggio che “questa non è una guerra della Russia contro l’Ucraina, ma una guerra di Putin contro l’Ucraina”, e quindi non si deve “punire il popolo russo” con sanzioni. Con una tale logica, la seconda guerra mondiale è stata solo “una guerra di Hitler ”, quindi forse scienziati provenienti da Germania, Stati Uniti e Unione Sovietica avrebbero dovuto lavorare insieme su problemi affascinanti come la fissione nucleare in nome della scienza e della libertà accademica?

Riteniamo fondamentale ribadirlo: se le sanzioni e gli embarghi devono avere un effetto significativo, devono essere straordinariamente severi, abbracciare tutte le sfere senza eccezioni, comprese la scienza, la tecnologia e la cultura. Qualsiasi cosa in meno è una perdita di tempo prezioso.

  1. SUGLI SFORZI PER SOSTENERE LA SCIENZA UCRAINA

Dall’inizio della guerra sono emerse molte iniziative delle università occidentali e degli enti di finanziamento scientifico, volte a fornire varie forme di sostegno a ricercatori e accademici ucraini. Apprezziamo sicuramente tali iniziative, in quanto danno una buona possibilità di sopravvivere a quei ricercatori e studenti ucraini che hanno potuto trovare rifugio all’estero. Allo stesso tempo, siamo preoccupati che la comunità scientifica ucraina possa subire una gravissima fuga di cervelli, che renderebbe ancora più difficile il compito della ripresa postbellica.

Chiediamo a tutte le parti coinvolte di sviluppare programmi volti a sostenere gli scienziati e gli educatori ucraini che rimangono in Ucraina e continuano il loro lavoro. Come parte dello stesso sforzo, chiediamo di sviluppare una più profonda integrazione tra gli istituti di ricerca occidentali e ucraini, le università e le organizzazioni di finanziamento scientifico. Diverse rinomate ricerche ucraine e

le istituzioni educative, in particolare quelle di Kharkiv, avranno bisogno di aiuto per il trasferimento e il restauro. Comprendiamo che la progettazione di tali programmi può essere ostacolata da notevoli difficoltà burocratiche. Noi, come parte dell’organo consultivo del governo ucraino, esprimiamo la nostra disponibilità a mediare per aiutare a superare tali difficoltà e trovare soluzioni accettabili.

A nome del Comitato Scientifico:

Oleksiy Kolezhuk

 Presidente del Comitato Scientifico, Professore dell’Università Nazionale Taras Shevchenko di Kiev, membro corrispondente dell’Accademia Nazionale delle Scienze dell’Ucraina

 

0 comment