fbpx
Home Cinema e Teatro “Tracce Dinamiche” al De Filippo di Arzano

“Tracce Dinamiche” al De Filippo di Arzano

by Redazione

 

Il teatro Eduardo De Filippo di Arzano si pone come luogo di riferimento culturale per l’area nord della provincia di Napoli: un teatro inclusivo sia dal punto di vista sociale ed economico che artistico”.

In questa logica, per la stagione teatrale 2022/2023 accanto al cartellone principale (Peppe Barra, Carlo Buccirosso, Paolo Caiazzo, Francesco Paolantoni, Biagio Izzo, Sal Da Vinci), oltre alla rassegna di danza e di “teatro in famiglia”, si terrà una rassegna di teatro d’innovazione (direzione artistica di Ettore Nigro con la collaborazione di Piccola Città Teatro) dal titolo Tracce Dinamiche. “Spettacoli, dunque, che incarnano, ciascuno a proprio modo, il dinamico evolvere del teatro verso forme di espressione moderne, che guardano al presente e al futuro, sempre riallacciando i fili col passato”.

Si comincia domani, venerdì 4 novembre 2022, con “Muratori” di Edoardo Erba che affronta la crisi dei teatri. “È il teatro che prova a sopravvivere sublimando se stesso in un viaggio infinito che vale proverbialmente più della meta – scrive Miale nelle note di regia – il testo di Erba naviga tra rigogliosi orizzonti di concreta e raffinata comicità e, mai disdegnandole anzi sublimandole, piccole sorprendenti e sostanziali soste in acque che demandano ad un’acuta riflessione sulla condizione umana”.

Il testo nasce in italiano ma ha avuto versioni in romanesco, tedesco e friulano. Ora è la volta del napoletano. “Muratori non ha solo cambiato lingua, ha cambiato umore, è un’altra cosa”, afferma l’Autore nelle sue note.

 

E allora: MURATORI di Edoardo Erba; con Massimo de Matteo, Francesco Procopio, Angela De Matteo; regia Peppe Miale; produzione Ente Teatro Cronaca Vesuvioteatro; costumi Alessandra Gaudioso; scene Luigi Ferrigno; musiche Floriano Bocchino; luci Salvatore Palladino; aiuto regia Giordano Bassetti; assistente scenografo Sara Palmieri; assistente alla regia Roberta Rossi Scala.

 

0 comment

Cosa ne pensi