fbpx
Home In Italia e nel mondo Dieta Mediterranea Unesco. 10 anni di patrimonio culturale immateriale dell’Umanità

Dieta Mediterranea Unesco. 10 anni di patrimonio culturale immateriale dell’Umanità

by Maria Mastrullo

Il 16 novembre si sono aperte le celebrazioni per il decennale dell’iscrizione della Dieta Mediterranea nella Lista Unesco del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Il riconoscimento fu attribuito durante la seduta del Comitato Mondiale Unesco a Nairobi in Kenya il 16 novembre 2010. Il 13 marzo 2010, a Chefchaouen (Marocco), i rappresentanti di Italia, Grecia, Marocco e Spagna sottoscrissero la Dichiarazione a sostegno della candidatura e il relativo accordo di collaborazione, poi dal 2013 allargato a Cipro, Croazia e Portogallo.

In quella circostanza, l’allora Sindaco di Pollica Angelo Vassallo, riuscì ad ottenere che come Comunità emblematica per l’Italia non si indicasse soltanto Pollica in provincia di Salerno, ma l’intero Cilento. Vassallo, che aveva creato il Museo Vivente della Dieta Mediterranea nello storico Palazzo Vinciprova di Pioppi per tramandare l’eredità lasciata da Ancel Keys, dalla moglie Margareth e dai loro colleghi e per promuovere uno stile di vita ispirato alla sana alimentazione, al rispetto dell’ambiente e della cultura locale, non fece in tempo a veder coronato il proprio tenace impegno per il conseguimento dell’importante risultato.

Il concetto di dieta mediterranea , introdotto e studiato inizialmente dal fisiologo statunitense Ancel Keys, il quale ne ha indagato gli effetti sull’incidenza epidemiologica di malattie cardiovascolari in una celebre ricerca su sette nazioni, il Seven Countries Study, è un modello nutrizionale ispirato agli esempi alimentari diffusi in alcuni Paesi del bacino mediterraneo che privilegia cereali integrali, frutta, verdura, semi, olio di oliva (grasso insaturo), rispetto ad un più raro uso di carni rosse e grassi animali (grassi saturi), un consumo moderato di pesce, carne bianca, legumi, uova, latticini, vino rosso, dolci. Inoltre, alcuni studi ampiamente accettati dalla comunità scientifica hanno provato che in queste aree geografiche l’aspettativa di vita è tra le più alte del mondo. Al contrario, l’incidenza di malattie come la cardiopatia ischemica, alcuni tumori e altre malattie croniche correlate alla dieta sono invece tra le più basse.

L’Unesco riconosceva il valore di pratiche stratificate nel tempo, trasmesse di generazione in generazione in molti dei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, sottolineando come la Dieta Mediterranea, definizione moderna per una pratica e una storia antichissima, fosse molto più che un semplice elenco di alimenti poiché il pasto in comune, che è alla base dei costumi di una data comunità, promuove l’interazione sociale, si fonda nel rispetto per il territorio e la biodiversità, garantisce la conservazione e lo sviluppo delle attività tradizionali e dei mestieri collegati alla pesca e all’agricoltura nelle comunità del Mediterraneo.

Moderati da Donatella Bianchi, giornalista e conduttrice di Linea Blu e Presidente WWF Italia, i lavori si sono aperti con i saluti istituzionali dei ministri Teresa Bellanova, Sergio Costa, Dario Franceschini, Luigi di Maio, Roberto Speranza, Lucia Azzolina, per poi proseguire con gli interventi di Franco Bernabé, Presidente Commissione Italiana per l’Unesco, su “L’Unesco come fattore di sviluppo”; Pier Luigi Petrillo, Unesco Chair Professor e membro dell’Organo di valutazione Ich Unesco su “La dieta mediterranea patrimonio per l’umanità. Origini e attualità”; Stefano Pisani, Sindaco di Pollica, Comunità emblematica Dieta Mediterranea Unesco, su “Il ruolo delle comunità per la salvaguardia della Dieta Mediterranea”; Elisabella Moro, Ordinaria di Antropologia culturale, Università Suon Orsola Benincasa di Napoli, su “La dieta Mediterranea tra stile di vita e identità culturale”.

Siamo impegnati a creareha dichiarato la ministra delle politiche agricole Teresa Bellanova – l’Ufficio per la Dieta mediterranea presso il nostro Ministero per promuoverne e diffonderne i principi e le ragioni attraverso uno specifico portale web; realizzare nel 2021 un programma di comunicazione istituzionale sulle tematiche della Dieta mediterranea anche in vista di Expo Dubai; sviluppare iniziative sulla dieta mediterranea e sulla educazione alimentare nelle scuole e nelle Università anche con il supporto del CREA/Alimentazione”.

La rete della Farnesina ha lanciato nell’Agenda 20-30 l’alleanza per promuovere i principi della Dieta Mediterranea sia sotto il profilo di una scelta nutrizionale sana e sostenibile che sulla biodiversità e la lotta allo spreco alimentare”, ha aggiunto il ministro Di Maio.

Per il ministro dell’ambiente Sergio Costa, “la salvaguardia dell’ambiente e la giusta attenzione ai mutamenti climatici incide anche sulla dieta mediterranea e il mio impegno è che sia davvero un patrimonio da conservare”.

Per il ministro della salute Speranza “salute non è solo ospedali, medici … e dobbiamo lavorare affinché la dieta mediterranea sia ancora protagonista della programmazione della buona salute per i prossimi anni”.

Nell’ambito della giornata di celebrazioni, il ministro dell’Istruzione Azzolina ha organizzato il Seminario dal titolo “Educare alla Dieta Mediterranea e allo stile di vita mediterraneo” che ha presentato con queste parole: “La scuola ha un ruolo decisivo nel sensibilizzare i più giovani e, di conseguenza, le famiglie ad una corretta alimentazione e nel dare una rinnovata attenzione a custodire il patrimonio che ci è stato tramandato anche attraverso gli indirizzi di studio dove si formano gli operatori della cucina italiana”.

La ricorrenza del 2020, dunque, ha rappresentato l’occasione per promuovere nuove iniziative e per rilanciare un programma di azione che, in aggiunta al tanto che già localmente si fa e sulla base delle elaborazioni in continuo avanzamento della comunità scientifica internazionale, punti per l’immediato futuro ad una sensibilizzazione sempre più ampia dei cittadini con l’impegno delle istituzioni.

Più che un incontro celebrativo è stata un’opportunità di riflessioni sull’esempio che la Dieta Mediterranea come stile di vita e di sostenibilità alimentare ci offre. Una resilienza dei nostri sistemi agroalimentari in un’economia globalizzata e una ripartenza che riesca a basarsi sulle piccole cose e su quei modelli che non devono essere persi. Citando una frase di Goethe “Le cose migliori si ottengono solo con il massimo dell’impegno”.

0 comment