fbpx
Home Ambiente Lo stato del fiume Sarno

Lo stato del fiume Sarno

by Noemi Vorro
0 comment

Il bacino idrografico del fiume Sarno comprende 17 Comuni della provincia di Napoli, 18 della provincia di Salerno e 4 della provincia di Avellino.

Ai fini depurativi è diviso in tre comprensori: Alto, Medio e Foce Sarno.

Allo stato sono in corso accertamenti da parte della Procura su tutti i Comuni di Medio e Foce Sarno.

Quelli rientranti nel circondario della Procura di Torre Annunziata sono: Poggiomarino, Sant’Antonio Abate, Striano, Boscoreale, Trecase, Boscotrecase, Casola, Castellammare, Gragnano, Lettere, Pimonte, Santa Maria La Carità, Torre Annunziata.

Incaricati degli accertamenti: la Capitaneria di Porto di Salerno e il Consulente Tecnico prof. Massarotti.

Sui depuratori comprensoriali (Scafati, Nocera Superiore, Angri e Foce Sarno) non è stata riscontrata, allo stato, alcuna anomalia.

I depuratori di Torre del Greco risultano del tutto inadeguati.

Nel 2017 è stata istituita una banca dati che raccoglie i risultati delle analisi del laboratorio mobile della Capitaneria di Porto nonché la mappatura delle reti fognarie e di collettamento esistenti e dei punti di scarico delle acque non collettate.

Sono stati censiti 30 terminali liberi in ambiente (reflui domestici), controllati 31 Comuni, acquisiti atti relativi allo stato di realizzazione delle opere.

Risultano non ultimate le reti fognarie dei Comuni di Striano, Poggiomarino, Gragnano, Boscoreale, Castellammare, Santa Maria La Carità, Pimonte (Procura di Torre Annunziata); Angri, Scafati, Sarno, Nocera Inferiore, San Valentino Torio, Siano (Procura di Nocera); Ottaviano (Procura di Nola).

Non ultimati anche i collettori comprensoriali di Scafati, Poggiomarino e Gragnano.

La competenza alla realizzazione degli interventi necessari per il completamento del sistema fognario, depurativo e di collettamento è oggi della Regione Campania.

Residuano dalle precedenti gestioni oltre 106milioni di euro e si prevede che ne occorrano altri 28 circa, presumibilmente a carico della Regione stessa.

Fonte Procura di Torre Annunziata

 

0 comment