fbpx
Home Regionali 2020 Regionali. Due domande a Nino Savastano

Regionali. Due domande a Nino Savastano

by Redazione

Giovanni, più noto come Nino Savastano, attualmente è Assessore alle Politiche sociali con la Giunta Comunale di Salerno, presieduta dal sindaco Vincenzo Napoli. Fu eletto in Consiglio Comunale per la prima volta nel 1993 e dal 1997 è stato Assessore nelle Giunte De Luca e De Biase. Nel 2004 fu eletto al Consiglio Provinciale.

Oggi è candidato nella circoscrizione di Salerno per la lista Campania Libera a sostegno del candidato Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Oltre alla lista nella quale si colloca la sua candidatura, ce ne sono altre 14 a sostegno di De Luca. Qual è il tratto distintivo della sua lista rispetto alle altre convergenti nello stesso schieramento? In altri termini, perché un elettore che è orientato a votare Vincenzo De Luca come Presidente dovrebbe poi scegliere la vostra lista invece che un’altra?

Campania libera è la prima lista civica regionale, voluta dal Presidente Vincenzo De Luca. È composta da personalità del mondo politico, culturale, imprenditoriale e sociale. La particolarità di questa lista risiede nelle diverse sensibilità dei candidati, che non si riconoscono unicamente nei partiti e che rappresentano nei vari ambiti il territorio e le istanze delle comunità.

E all’interno della sua lista, perché lei e non un altro? Qual è la sua personale ‘promessa elettorale’ qualora fosse eletto?

Parla per me la mia lunga esperienza di amministratore che con Vincenzo De Luca ha contribuito al cambiamento del volto di Salerno, realizzando con tenacia e passione il più grande programma di riqualificazione urbanistica e sociale della città che la storia ricordi. Votare per me significa consentirmi di portare la mia esperienza ultraventennale al Consiglio Regionale e contribuire al programma di rilancio avviato da De Luca.

Ci dice tre obiettivi, in ordine di priorità, per i quali lei e Campania Libera vi batterete nei primi due anni di mandato?

Da uomo del Fare, intendo mettere al centro delle politiche regionali le persone e i loro bisogni:

  1. a) sviluppando una più forte integrazione tra i servizi di tutela della salute e quelli di inclusione e solidarietà sociale;
  2. b) stando a fianco ai giovani, sostenendo i loro progetti per il futuro e contrastando il fenomeno dell’abbandono delle proprie famiglie e dell’impoverimento culturale dei territori. Sostenendo i programmi di collocamento e di formazione messi in campo dal Presidente De Luca;
  3. c) contribuendo a realizzare un’economia sostenibile, attenta alle vocazioni del territorio, inclusiva, rispettosa dell’ambiente e a servizio delle persone.

Un suo appello agli elettori sintetizzato in uno slogan.

TRA LA GENTE, LA REGIONE VICINA

0 comment