fbpx
Home Cultura 13 febbraio 1861: ‘o Surdato ‘e Gaeta, in ricordo dei vinti ignoti

13 febbraio 1861: ‘o Surdato ‘e Gaeta, in ricordo dei vinti ignoti

by Federico L. I. Federico

Questo articolo atipico, per non dire anomalo, si fa precedere da una immagine di un grande artista contemporaneo, Domenico Purificato, nato a Fondi, nell’entroterra Gaetano, che volle commemorare con quest’opera pittorica di grandi dimensioni – circa tre metri per oltre due metri – l’assedio di Gaeta e la fine della monarchia dei Borbone di Napoli, la cui resa sotto le cannonate del generale savoiardo Cialdini avvenne in questi giorni di febbraio nel 1861, il tredici di Febbraio.

E quest’articolo si chiude con uno stralcio – il blocco delle ultime tre strofe di ben cinquanta strofe complessive – tratto da una lunga poesia celebrativa dell’assedio scritta da uno dei più grandi poeti in lingua napoletana: Ferdinando Russo.

Il pittore Domenico Purificato affida a una folla anonima ma fortemente simbolica, fatta di commedianti, regnanti e regnicoli, che si accalca intorno al corpo senza vita di Pulcinella, simbolo forte della Napoletanità, profonda e radicata nei secoli, del Regno più antico d’Europa, il Regno di Napoli, cancellato dalla Storia senza una dichiarazione di guerra, sul finire del Secondo Millennio dell’era cristiana, per una intesa trasversale tra le nazioni e le organizzazioni internazionali ostili al papato di Roma.

Il Poeta Ferdinando Russo invece affida alla straziante storia dell’io narrante di un uomo solo e disperato, Michele Migliaccio “fu Giesummino”, il ricordo degli anni giovanili in cui aveva versato il sangue, perso un braccio e quasi perso un occhio per “Franceschiello” che lo aveva premiato con una medaglia al valore.

Di Re Francesco II di Borbone poi Michele tesse le lodi dicendo, tra l’altro: ‘O chiammavano scemo e Lasagnone, ma annascunneva ‘o core ‘e nu lione!

E qui mi fermo con il mio commento, lasciando definitivamente la parola a Ferdinando Russo, anzi al valoroso Michele Migliaccio, il vinto finito all’Ospizio dei Poveri.

Per il resto mi limito a lasciare alla libera coscienza dei lettori il doveroso ricordo dei vinti ignoti, nell’anniversario della resa di Gaeta, limitandomi a ricordare ad essi che la Storia, quella con la Maiuscola, la scrivono i vincitori. Sempre.

(Stralcio, tradotto per i non Napoletani, da: ‘O Surdato ‘e Gaeta, di Ferdinando Russo)

… Mo’ passo ‘e juorne a ricurdarme ‘e fatte

… Ora passo i miei giorni ricordando i fatti

de chilli quatto mise maleditte,

di quei quattro mesi maledetti

e veco ‘e mbomme ncopp’ ‘e ccasematte,

e rivedo le bombe sulle casematte

e sento ‘e chiante ‘e tanta ggente afflitte !….

e risento i pianti di tanti disperati.

Sa’ quant’ ‘e lloro se so’ fatte chiatte?

Ah, quanti di loro si sono rifatta una vita agiata…

Che ne parlammo a fa? Stàmmoce zitte!

Non paliamone nemmeno… Stiamo zitti!

Ma, sempe ca m’ avota ‘o cereviello,

Ma, quando mi pare opportuno,

io me vaso ‘a meraglia ‘e Francischiello

io bacio la medaglia datami da Franceschiello

 

 ‘A tengo comm’ ‘a na relliquia santa,

La conservo come una reliquia santa

pecchè me l’aggio mmeretata overe!

perché me la sono meritata davvero!

‘A porto ncopp’ ‘o core da ‘o Sissanta!

La porto sul cuore dal 1860!

So’ cinquantasej’ anne! E pare ajere!

Sono 56 anni! E mi pare ieri!

P’essa darria sta vita tutta quanta!

Per essa darei subito questa vita!

Sott’ ‘o cuscino ‘a stipo tutt’ ‘e ssere,

La metto sotto il cuscino ogni sera,

e quanno murarraggio, dint’ ‘a fossa

e, quando muoio, nella fossa

l’ hanno ‘a fa sta! Vicino a sti qquatt’ ossa!

la devono lasciare! Accanto alle mie ossa!

 

Mo sta ccà, sott’ ‘a giubba…. Che dicite?

Ora sta qua, sotto la giubba… che dite?

Pecchè me l’ annasconno ?… Embè…. Signò!…

Perché me la nascondo? Ebbene… signore…

Nun me songo spiegato ? Nun capite ?…

Non mi sono spiegato? Non capite?

Site giovene e ‘struito, mo’ ‘nce vo’…..!

Eppure siete giovane e istruito,

Io me l’ aggio abbuscata p’ ‘e fferite,

Io me la sono guadagnata per le mie ferite,

p’ ‘o vraccio muzzo !…. È na relliquia o no?

per il braccio mozzato!… E’ una reliquia o no?

E ‘a putesse purtà, sta gloria mia,

E potrei portare questa mia gloriosa medaglia

ncopp’ ‘a livrera d’ ‘a Pezzentaria?

appuntata sulla livrea della Pezzenteria?

0 comment