fbpx
Home Ambiente Il Mediterraneo Area di Controllo delle Emissioni dal 2025

Il Mediterraneo Area di Controllo delle Emissioni dal 2025

by Francesco Vorro

 

Si è da poco chiusa, ad Antalya, la riunione delle Parti Contraenti della Convenzione di Barcellona per la protezione del Mare Mediterraneo dall’inquinamento.

Gli Stati del Mediterraneo hanno deciso di designare un’Area a Controllo delle Emissioni di Zolfo (MedECA) e richiederanno, in occasione della riunione dell’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) che si terrà all’inizio del 2022, l’adozione di un’Area SECA (Area di Controllo delle Emissioni di Zolfo) che copra l’intero Mare Mediterraneo entrando in vigore nel 2025.

Non c’è una richiesta di attivazione anche di nuovi limiti alle emissioni nocive di ossidi di azoto delle navi. Ma gli Stati membri della Convenzione di Barcellona lavoreranno, il prossimo biennio, con l’obiettivo di arrivare alla definizione di un’Area in cui si riducano tali emissioni.

Anna Gerometta, presidente di Cittadini per l’aria – il gruppo di ONG che da anni si batte per una ECAMed – lo ha definito “un enorme passo avanti verso un’aria più pulita nella regione e nelle tante città di porto sulle nostre coste. Il rovescio della medaglia è che manca ancora, contrariamente a quanto avremmo sperato, una normativa efficace per ridurre le emissioni nocive di ossidi di azoto che provengono dalle navi”.

Beate Klunder, policy officer trasporti dell’associazione tedesca NABU, ritiene “necessario che i leader dei paesi del Mediterraneo… trovino al più presto un accordo sulla limitazione degli ossidi di azoto delle navi…”. Jane da Mosto, direttore esecutivo di We Are Here Venice, parla di “piccolo passo”.

I dati diffusi dicono che, nella sola UE, l’inquinamento causato dalle navi provoca circa 60 miliardi di euro di costi sanitari all’anno e che il 70% circa delle città che si affacciano sul Mediterraneo avrebbero livelli di particolato (PM2,5) molto al di sopra della raccomandazione dell’OMS. Inoltre, le mappe delle concentrazioni ambientali di PM2,5 nel Mediterraneo corrisponderebbero perfettamente alle rotte delle navi.

0 comment