fbpx
Home Campania Contributi regionali per i figli delle vittime sul lavoro

Contributi regionali per i figli delle vittime sul lavoro

by Redazione

ANMIL, l’Associazione nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro, ha giudicato positivamente il lavoro svolto dall’assessore Sonia Palmeri in favore dei figli delle vittime degli incidenti sul lavoro.

“Abbiamo appreso con profonda soddisfazione – afferma il Presidente regionale dell’Associazione, Patrizia Sannino – del provvedimento legislativo assunto dall’Assessore Regionale al Lavoro Sonia Palmeri in favore dei figli delle Vittime degli incidenti sul lavoro che frequentano scuole, percorsi formativi e Università. È sicuramente un avvio verso una Società che non si limita solo alle commemorazioni, bensì, anche al sostegno materiale per quelli che, in questa Società, devono continuare a vivere nonostante le avversità. Trovare le idee e le soluzioni nei momenti di smarrimento e di sofferenza profonda in particolari circostanze come quelle derivanti dalle sciagure infortunistiche nei luoghi di lavoro. Ignorare i concetti sulle norme, le disposizioni e gli adempimenti principali in materia di salute e sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro rappresenta una vera e propria rinuncia alla qualità della vita sia in termini economici che sociali. Non è una missione impossibile una corretta attuazione delle norme antinfortunistiche soprattutto se la Regione Campania saprà mettere a sistema quanto di buono c’è utilizzando i propri Talenti come appunto l’iniziativa dell’Assessore Sonia Palmeri”.

Lo scorso 16 settembre, infatti, è stato pubblicato (sul BURC n. 54) l’avviso relativo al contributo economico previsto dalla Regione a favore dei figli delle vittime di incidenti mortali sul lavoro che frequentano scuole, percorsi formativi o università. Riguarda i figli legittimi, naturali, riconosciuti o riconoscibili, adottivi di genitori deceduti per incidenti sul lavoro. Il contributo copre le spese di iscrizione, le rette di frequenza, l’acquisto libri di testo, i servizi mensa e il trasporto pubblico, l’acquisto di ausili scolastici per alunni diversamente abili.

0 comment